4 fasi dell'infezione da coronavirus

Capo del Dipartimento di Ateneo. A. Pirogova Chuchalin è uno dei migliori esperti in Russia sulle malattie polmonari. L'accademico ha parlato dei sintomi per i quali è necessario chiedere aiuto ai medici per prevenire le complicanze del coronavirus.

“COVID-19 ha 4 fasi di sviluppo, - afferma Alexander Grigorievich, - Di norma, una persona non sa dove e quando è stata infettata. Non ha segni di infezione da coronavirus, ma questo è già il primo stadio della malattia. Il decorso asintomatico è comprensibile: le particelle virali hanno una dimensione inferiore a 5 micron, quindi il sistema immunitario non le riconosce. Il periodo di incubazione dura circa una settimana".

Secondo l'accademico, il secondo stadio della malattia inizia in 5-7 giorni. Molti pazienti si stanno già riprendendo in questa fase. Se l'infezione progredisce, ci sono segni di raffreddore: congestione nasale, naso che cola, mal di gola. Possono comparire ulteriori sintomi: indolenzimento muscolare, febbre, debolezza generale. Anche la seconda fase dura circa una settimana.

Un'ulteriore infezione da coronavirus può svilupparsi in due scenari. Con una forte immunità, il paziente guarisce. Con una storia gravata (la presenza di malattie croniche), inizia la terza fase, che i medici chiamano polmonite virale.

I principali sintomi della polmonite sono tosse secca, ossessiva e mancanza di respiro. L'automedicazione non può più essere affrontata, poiché esiste il pericolo di morte. " L'ulteriore destino del paziente dipende già dalla professionalità dei medici e dal livello delle difese dell'organismo", - ha concluso l'esperto. [nove].